Chi siamo - Dove siamo...                
 

Sono Maria Concetta Pannunzio, titolare e chef del ristorante "Trattoria la Nostrana" di Montelongo (CB).

Da qualche tempo ho deciso di realizzare un mio sogno che avevo nel cassetto da molti anni cioè di aprire un ristorante con delle caratteristiche particolari; così ho restaurato la mia abitazione (una casa patrizia del ‘700).

Ai miei clienti ripropongo la cucina della mia infanzia e quella dei miei antenati. E’ una cucina tradizionale, tipica e saporita caratterizzata dalla continua ricerca di ingredienti genuini, aromi e verdure che crescono spontaneamente nelle campagne della mia terra, che poi vado a dosare nella giusta misura e con tanta passione rendendo unici i miei piatti.

Amo fare tutto da sola; dalla pasta fatta a mano, le marmellate, i prodotti sott’olio, la passata di pomodoro, il pane ecc…Trattoria La Nostrana Montelongo

Tra i primi più richiesti c’è: la pasta con la mollica; è una pasta consistente, tipo quella alla chitarra, con sopra la mollica del mio pane cotto nel forno a legna, rosolata e condita in vario modo e sugo di baccalà. L’origine di questo piatto è molto antico; la mollica simulava il formaggio che non tutti potevano permettersi. Oggi, invece, è un piatto ricercato e particolare.

I fusilli al ragù di agnello o, ancora meglio, col sugo del galluccio ruspante con un ripieno fatto con uova, mollica, fegatini, formaggio grattugiato eccetera. Questa pasta viene fatta con un ferretto lungo e sottile che, con un movimento preciso della mano trasforma dei pezzettini di pasta all’uovo in cilindri bucati, regolari che, conditi con i miei sughi diventano dei piatti gustosi e molto leggeri. Il fiore all’occhiello nel periodo invernale è la pizza e foglie si tratta di una torta di farina di mais e per cuocerla si pone sulla base arroventata del camino e la si copre con la "coppa" (tegame di ferro a campana) sul quale si appoggiano carboni ardenti e cenere calda. Questo tipo di cottura dà alla pietanza un sapore particolare che fa tornare alla memoria la cucina di una volta. Il condimento è fatto con verdure campestri, olio, aglio, pancetta e peperoncino.

Non avete ancora l’acquolina in bocca? Allora vado avanti proponendovi l’agnellone brodettato; è un piatto che richiede ore di cottura a fuoco lentissimo con tantissimi odori. Ne risulta un piatto molto delicato con una carne tenerissima.

Inoltre, potrei farvi gustare lo spezzatino di vitello con patate o con della polenta al forno e tanti altri piatti. Agli intenditori posso servire delle appetitose cotenne di maiale in umido condito con finocchietto selvatico.

Anche la scelta dei dolci è molto vasta: potete assaporare dolcetti a base di mandorle, di ricotta, di marmellate, di creme, di castagne e tanti altri.

Naturalmente il menu varia a seconda della stagione e della reperibilità degli ingredienti.

Montelongo è un paesino su una collina a una trentina di chilometri da Termoli, non vi troverete i comfort della città, ma l’aria che potete respirare è formidabile. Qui è possibile trovare una quiete quasi irreale ed un’atmosfera calda, familiare ed informale.Trattoria La Nostrana Montelongo

Spesso quando i miei ospiti hanno terminato il pranzo o la cena ci si siede attorno al camino raccontando vecchie storie o esilaranti aneddoti, realizzando, in questo modo il mio intento socio-culturale.

Montelongo si trova a ½ ora dall’autostrada A14 uscita Termoli (Molise) direzione Campobasso quindi Larino-Rotello-Montelongo.

Arrivati nella piazzetta del paesino troverete una chiesina in cima a una salita, ma voi dovete prendere la strada nella salita opposta alla Chiesa. Arrivati in cima alla salita parcheggiate la macchina, entrate in via Re Umberto (la strada che porta alla Chiesa dedicata a Santa Maria ad Nives) il mio ristorante è in una traversa a nemmeno un minuto da dove avete parcheggiato "vico F. D’Ovidio".